Agriturismo Il Cornacchino
Castell'Azzara, 58034

Tel: +39.0564.951582 Fax: +39.0564.951655

E-Mail: info@cornacchino.it

- VENITE CON NOI IN UN VIAGGIO NEL TEMPO! -

1630695894 ritorta9

02/09/21

Venite con noi in un viaggio nel tempo!

Unisciti a noi per un affascinante viaggio nel tempo al Cornacchino. Una spedizione nelle miniere nascoste di cinabro con aperitivo. Cos'era il Cornacchino prima che arrivassero i cavalli? Cosa è successo qui e perché il luogo porta questo nome? Se si vuole scoprire il passato del Cornacchino, bisogna scavare a fondo nel vero senso della parola. Perché all'interno della montagna, sotto gli ampi prati e i pendii aridi, la storia delle sue origini sonnecchia. Vi invitiamo a un viaggio nel tempo nelle profondità delle misteriose miniere di cinabro. Venite con noi in un'escursione di due ore e lasciate che Cesare e Reno, due Castell'Azzaresi doc., vi riportino ai tempi affascinanti degli Etruschi, all'ardua estrazione e all'integrazione riuscita. Il viaggio nel tempo vale la pena!

Image caption

Le miniere di cinabro  aprono le porte

Chiunque abbia visitato il Cornacchino conosce la sua magia. Avete notato che la sua storia può essere vista e percepita ovunque? Il luogo ci dice molto - solo per la sua posizione, l'architettura dei suoi edifici e naturalmente la natura che lo circonda. Ma probabilmente il pezzo più importante della storia è nascosto.

Il Cornacchino è solo uno spillo in tutto il paesaggio circostante segnato da eruzioni vulcaniche. Eppure è proprio qui che si concentra un pezzo significativo della storia umana. Ecco perché abbiamo chiesto a Cesare e Reno di aprirvi le porte delle misteriose miniere di cinabro una volta alla settimana. I due hanno un legame molto speciale con il "mondo sotterraneo" del Cornacchino - uno come geologo, l'altro come figlio di una famiglia di minatori. Condivideranno la loro incredibile conoscenza con voi durante una visita guidata di due ore alle miniere del Cornacchino.

In seguito, potrete brindare alla vostra affascinante spedizione con un aperitivo. 

Cornacchino e gli Etruschi

Anche gli Etruschi conoscevano la natura speciale di questo luogo e il minerale cinabro rosso brillante nascosto nelle sue profondità. Con il suo aiuto, hanno trasmesso la loro sorprendente conoscenza, i loro messaggi e forse anche i loro sogni alle generazioni successive dall'800 al 350 a.C. circa - soprattutto sotto forma di dipinti su argilla cotta.

Durante il tuo viaggio nel tempo e nelle miniere, imparerai da dove vengono esattamente, quale missione hanno compiuto e perché il cavallo ha avuto un ruolo così importante nella loro cultura. Del resto, anche il Cornacchino di oggi ha adottato il segno del cavallo in stile etrusco. 

Vene rosse incandescenti nella roccia

Mentre ci meravigliamo delle vene incandescenti di cinabro nelle miniere, assistiamo allo scintillio della pietra calcarea e delle sue stalattiti che riemergono lentamente, percepiamo la durezza delle miniere di un tempo: l'argilla pesante negli stretti passaggi verticali poteva essere rimossa solo dalle mani dei bambini.

Nelle minuscole nicchie degli stretti passaggi della miniera, la gente mangiava il pranzo e si riposava un po' nell'oscurità. Questo è quanto raccontano i vecchi diari. Raccontano del duro lavoro in miniera, soprattutto nel periodo tra la seconda metà del XIX secolo e la fine della prima guerra mondiale, della nascita del villaggio di Castell'Azzara e dei migranti che vennero a lavorare nelle miniere del Cornacchino, di Abbadia e del Morone nelle condizioni più dure - sotto la direzione di una grande varietà di protagonisti provenienti da Boemia, Sassonia, Belgio, Polonia, Austria, Francia e, naturalmente, Italia.

Le connessioni economiche sono rivelate e mostrano come le conquiste tecniche del nostro tempo sono direttamente collegate all'estrazione di minerali e minerali locali. 

Passato e presente: un luogo d'integrazione

Dopo la chiusura delle miniere e la successiva gestione di varie cooperative forestali, per il Cornacchino si apre una nuova era: La fusione individuale di tre uomini, Fabio, Ezio e Giulio, e delle loro mogli provenienti da contesti culturali molto diversi (Svizzera, Danimarca, Italia) ha cambiato nuovamente questo luogo intorno al 1990.

Qui sono stati forgiati profondi legami di amicizia e di amore. I figli sono stati concepiti e cresciuti. Alcuni legami sono stati nuovamente interrotti nel corso di tre decenni. Ma tutti hanno contribuito a fare del Cornacchino un luogo che riunisce in armonia persone di tutte le culture attraverso la sua natura incantevole e l'amore per i cavalli.

Nel Cornacchino oggi - come nel passato sotterraneo - avviene una preziosa integrazione. Persone da tutto il mondo vengono in questo luogo per rilassarsi dalla loro vita quotidiana, per scoprire il passato e per godersi il qui e ora insieme. 

Sul  sentiero dei minatori

Quindi, se volete vivere la storia del Cornacchino dal vivo e non cercate solo l'avventura a cavallo, prenotate il viaggio nel tempo con Cesare e Reno nel vostro soggiorno al Cornacchino.

Dalla reception parte il sentiero che portava i minatori alla miniera e ci si immerge per due ore in un passato affascinante che plasma ancora oggi.